Ognuno di noi ha un giardino segreto…come Mary Lennox

caucasian_girl_reading_a_book_0515-1002-0104-0834_SMU“Il sole continuò a splendere per una settimana sul giardino segreto. Il giardino segreto! Così l’aveva chiamato Mary; quel nome le piaceva, ma le piaceva ancora di più la sensazione strana che provava quando, chiusa entro quelle vecchie mura, sapeva che nessuno avrebbe potuto scoprirla. Le pareva di essere fuori dal mondo e di vivere in uno di quei luoghi incantati di cui si parla solo nelle fiabe. In quelle fiabe dove le persone dormono anche cento anni in giardini meravigliosi come il suo. Mary però non aveva nessuna intenzione di dormire, anzi s’andava sempre più svegliando ogni giorno che passava. Ora le piaceva moltissimo stare all’aria aperta e non odiava più il vento; poteva correre più svelta e più a lungo ed era arrivata persino a fare cento salti con la corda. Le piantine, poi, potevano finalmente respirare, dopo che lei le aveva liberate dall’erba che le soffocava, e crescevano rapidamente, mentre il sole le riscaldava e la pioggia le bagnava meglio”.

(Il giardino segreto, F.H. Burnett)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...